Pensierini

L'educazione dovrebbe inculcare l'idea che l'umanità è una sola famiglia con interessi comuni. Che di conseguenza la collaborazione è più importante della competizione. B. Russel

Nafn:
Staðsetning: ciampino, roma, Italy

mánudagur, október 23, 2006

#129: Chiarimento

Bush ha simpaticamente deciso che i satelliti ostili agli Stati Uniti verranno abbattuti. Questo ovviamente è solo un pretesto elettorale per creare tensione e paura che fanno bene agli interessi repubblicani (nessun satellite verrà mai abbattuto ma il solo pensare che si sia disposti a farlo crea paura e ti fa sembrare un buon governatore che pensa a difenderti dai cattivi).
Ma mi ha fatto riflettere su un'altra cosa.
Il concetto di proprietà è abusato.
Lo spazio non è degli Stati Uniti, lo spazio non è dell'Italia, tantomeno della Corea.
E questo non perchè lo spazio è di tutti.
Cavoli, lo spazio non è di nessuno.
p.s.: a breve le foto della laura di Michele
77) Da bambino ero in grado, bendato, di giocare quattro partite a scacchi contemporaneamente. Le perdevo tutte.
A. Drake e F. Marion

Efnisorð:

2 Comments:

Anonymous Rik said...

anche la terra non è di nessuno ed è di tutti, abbasso le nazioni, abbasso gli stati.

5:10 e.h.  
Blogger quandofaremokantcanteremo said...

no è diverso. dire che è di tutti sbagliato perchè presuppone una proprietà. che secondo me non è utilizzabile. la terra non è di nessuno. che non vuol dire assolutamente che è di tutti. nessuno possiede la terra. e bisogna avere rispetto per le cose che non si posseggono, più verso quelle che si posseggono. questo senso di proprietà su alcune cose come le risorse naturali è un grosso errore di concetto che si ripercuote catastroficamente nella politica mondiale.
e cmq io sono per gli stati e le nazioni. l'anarchia non porta mai niente di buono. è evolutivamente scoraggiata. le cose controselezionate non fanno mai una bella fine...

10:19 f.h.  

Skrifa ummæli

<< Home